Trekking Monte Meta 2242 metri slm

Sentieri PNALM L1, M1, N1

Il Monte Meta è una delle cime più alte (2.242 mslm) del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise

monte meta pnalm lazio abruzzo molise parco nazionale vetta cima

foto di Lorenzo Albanese

Situata sul confine delle tre regioni, tra i comuni di Pizzone (IS), Alfedena (AQ) e Picinisco (FR), i Monti della Meta sono una piccola catena montuosa nella zona al confine tra Lazio, Abruzzo e Molise. Fanno parte della dorsale occidentale dell'Appennino Centrale abruzzese, lungo lo spartiacque appenninico, all'interno dei Monti Marsicani. Le montagne più alte sono: il Monte Meta (2241 m), il Monte Petroso (2.249 m.), il Monte Altare (2.174 m.), il Monte Tartaro (2.191 m.), Torretta di Paradiso (1.976 m.), il Monte A- Mare (2.161 m.),la Metuccia (2.105 m.), il Monte Forcellone (2.030 m.), il Monte Cavallo (2.039 m.). Nelle valli che si sviluppano all'interno della catena montuosa sorgono copiose le acque del fiume Melfa e Mollarino in provincia di Frosinone, del Rio Torto in provincia dell'Aquila. Dalle cime la vista spazia su tutti i Monti Marsicani, la Majella e i Monti del Matese.

monte meta pnalm lazio abruzzo molise parco nazionale vetta cima

Panoramica 360° dalla vetta del M. Meta 2242 metri slm

Si tratta di uno dei luoghi più remoti dell’area protetta, in cui si trova il regno del Camoscio Appenninico che è qui presente con uno dei branchi più numerosi esistenti nell’area protetta. Lungo i percorsi del Parco sarà possibile avvistare anche l’orso marsicano, il lupo e l’aquila reale che a volte si mostrano agli escursionisti più fortunati.

Alla base del monte, si trova il Passo dei Monaci (1967 mlm), lo snodo sentieristico delle tre regioni percorso fin dai tempi più remoti da pastori, commercianti e briganti. Al di sotto, del passo, nel territorio del Comune di Pizzone, si apre la Val Pagana che giunge fino al Pianoro Le Forme da dove inizia il sentiero M1 che conduce al Monte Meta.

Il Monte Meta, come le altre aree interessate da una particolare concentrazione di camosci è regolamentata dal numero chiuso controllato che ne limita l’accesso a piccoli gruppi prenotati ed accompagnati da una guida autorizzata dall’Ente Parco, nel periodo che va dall’ultima decade di luglio alla prima di settembre. Maggiori info su disciplina del flusso turistico aree di presenza del camoscio appenninico


Percorso da Vallefiorita 1400 metri slm - Pizzone:

Sentiero M1 e tratto di L1 della rete sentieristica del PNALM

800 metri di dislivello positivo e 10 km di sviluppo

Percorso da Campitelli 1450 metri slm - Alfedena

Sentiero L1 della rete sentieristica del PNALM

850 metri di dislivello positivo e 12 km di sviluppo

Percorso da Prati di Mezzo 1403 metri slm - Picinisco

Sentiero N1 della rete sentieristica del PNALM

900 metri di dislivello positivo e 10 km di sviluppo